Schiacciate alla curcuma farcite – cottura sul fornello

Schiacciate alla curcuma farcite – cottura sul fornello: basta poco per preparare qualcosa di speciale da offrire a tavola come antipasto alla nostra famiglia o ai nostri ospiti.

Spesso i sapori più semplici danno più soddisfazioni al palato, dei più raffinati.

Pensiamo a queste losanghe alla curcuma farcite con speck ed olive, una gioia per gli occhi e non solo per il palato.

Per cuocere queste schiacciate alla curcuma, non sono ricorsa al forno, poichè il caldo in questi giorni si fa sentire.

Le pentole Crafond sono un valido aiuto in cucina, oltre che ci evitano di accendere il forno, il loro utilizzo è così semplice che ci fanno risparmiare tempo e denaro; pensiamo, tanto per fare un esempio, che le pentole non vanno neanche scaldate sul fuoco, basta appoggiarle sopra, con la preparazione all’interno, chiudere con il coperchio e attendere i minuti di cottura senza fare niente altro!

Sul sito ufficiale QUI, tante curiosità!

Qualche altra idea con cottura sul fornello –> QUI, QUI, QUI e QUI.

Schiacciate alla curcuma
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 475 g farina di grano tenero (tipo 0 o 1)
  • 250 ml Acqua
  • 1 cucchiaio Curcuma in polvere
  • 2 cucchiai Semi vari (sesamo, lino, finocchio.. a piacere)
  • 25 ml Olio extravergine d’oliva
  • 8 g Lievito di birra fresco (oppure 2 g di quello liofilizzato, )
  • 7 g Sale
  • 5 g Zucchero (oppure di malto)

Per farcire..

  • q.b. Olive verdi e nere denocciolate
  • q.b. Speck (o prosciutto crudo a piacere)

Preparazione

  1. schiacciate alla curcuma

    Ho mescolato la farina assieme alla curcuma, i semi e lo zucchero, unito il lievito sbriciolato e cominciato ad impastare (a mano o con l’impastatrice a bassa velocità) unendo poco a poco l’acqua.

    Aggiunto l’olio ed il sale e e lavorato fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea.

    nb. Se impastando, la pasta vi sembrasse un pò dura (dipende dalle farine che utilizzate) aggiungete poca acqua.

    Ho coperto il recipiente con un canovaccio e fatto riposare fino al raddoppio (se avete tanto tempo a disposizione, potete usare anche solo un grammo di lievito ed attendere anche una notte, per esempio).

    Trascorso il tempo, ho diviso l’impasto in più palline, e stese con un mattarello infarinato ad uno spessore di circa 5 mm (non dovrete ottenere dei dischi perfetti perchè poi andranno tagliati).

    Ho passato un disco di pasta nella casseruola, schiacciato un pò come si fa con le focacce con i polpastrelli, trasferito sopra il fornello coperto con il coperchio e cotto a fiamma corona per circa 20 minuti (a metà cottura, il disco va girato).

     

  2. schiacciate alla curcuma

    Ad una ad una, ho cotto le schiacciate alla curcuma, che formeranno delle belle bolle e la superficie diventerà leggermente dorata.

  3. Non mi è rimasto che toglierle dalla casseruola, attendere qualche minuto per tagliarle a losanghe e farcirle con roselline di speck con al centro un oliva fissata con uno stecchino.

  4. schiacciate alla curcuma

    Le schiacciate alla curcuma si possono conservare in freezer all’interno di sacchetti per alimenti per circa un mese.

Note

I sapori semplici danno lo stesso piacere dei più raffinati, l’acqua e un pezzo di pane fanno il piacere più pieno a chi ne manca.

Epicuro, Lettera sulla felicità – Lettera a Meneceo (3° sec. a.c.)

This post has already been read 421 times!

Antipasti & stuzzicherie, Pane & lievitati
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Smoothie fragola, banana, kiwi e lime Successivo Impasto per pizza - con e senza la macchina del pane

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.