Pane al pomodoro con semi di papavero

Pane al pomodoro con semi di papavero: questi graziosi e facilissimi paninetti colorati vi verranno in aiuto quando avrete qualche festicciola da preparare o un aperitivo dell’ultimo momento!

Per questo ne prepariamo una quantità industriale, in modo da tenerli a portata di mano, all’interno di sacchetti per alimenti adatti al freezer, nel congelatore e decongelarli all’occorrenza.

Poi spazio all’immaginazione, farciteli con affettati, formaggi, creme e salsine varie, il successo sarà assicurato!

Potete unite all’impasto anche del basilico fresco spezzettato o, se volete dei pomodori secchi fatti rinvenire nell’acqua tiepida, tagliati a pezzettini.

Di seguito, il procedimento di come come ottenere il pane al pomodoro con semi di papavero, con e senza la macchina del pane.

La macchina del pane, in questo caso, serve solamente da impastatrice e da cella di lievitazione…, quando avete tempo, ovviamente ricorrete alla forza delle braccia! 😀

pane al pomodoro
  • Preparazione: Minuti
  • Cottura: 25 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 10-12 panini
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 250 g Farina 0
  • 250 g Farina 1
  • 200 ml Latte parzialmente scremato
  • 100 ml Acqua
  • 25 g Burro
  • 3 cucchiai Concentrato di pomodoro
  • 15 g Lievito di birra fresco (oppure 5 g di lievito di birra liofilizzato)
  • 1 e 1/2 cucchiaino Sale
  • 1/2 cucchiaino Zucchero
  • q.b. Semi di papavero

Preparazione

  1. Procedimento con la macchina del pane:

    Niente di più semplice, basta seguire questo schema…

    1. preparare tutti gli ingredienti pesati prima di iniziare
    2. inserire nel cestello gli elementi liquidi sul fondo, in questo caso, acqua e latte a temperatura ambiente e burro precedentemente sciolto
    3. coprire i liquidi spolverizzando lentamente con la farina fino a versarla tutta
    4. da un lato del cestello deporre il sale
    5. in un altro lo zucchero
    6. in un altro il concentrato di pomodoro
    7. al centro della farina formare un leggero incavo senza arrivare al liquido e deporvi il lievito di birra (se in panetto, sbriciolatelo)
    8. impostare il programma (in questo caso “IMPASTO”)
    9. premere avvio e attendere il bip-bip che avvisa il termine

    Quando toglierete l’impasto dalla macchina sarà già bello gonfio e lievitato.

  2. Stendete l’impasto sulla spianatoia prima con i polpastrelli, poi con il mattarello ad un’altezza di un centimetro, ritagliate con un coppa-pasta o una tazza/coppetta di 10 cm di diametro tanti cerchietti, reimpastate i ritagli e ottenetene degli altri fino a terminare l’impasto.

  3. Lasciate lievitare per circa una mezz’ora in cucina (va benissimo anche per più tempo, dipende dalla temperatura che avete in casa) coprendo con un canovaccio.

  4. Nel caso non abbiate la macchina del pane, procedere come è vostra abitudine, nell’impastatrice oppure in una terrina, o sulla spianatoia, versando la farina a fontana, creando una fossetta sufficientemente grande dove andare a depositare il lievito precedentemente sciolto nei liquidi assieme allo zucchero, per ultimi, il concentrato di pomodoro, il sale e il burro sciolto, poi procedete come sopra per la lievitazione ecc.

  5. pane al pomodoro

    Infornate il pane al pomodoro spennellato con dell’acqua e ricoperto di semini a 200° (forno ventilato oppure 210° normale, creando umidità all’interno, in entrambi i casi, spruzzando dell’acqua con uno spruzzino) e cuoceteli per circa 10 minuti a questa temperatura, poi diminuitela a 180° e proseguite la cottura finché saranno dorati (circa altri 15 minuti).

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Antipasti & stuzzicherie, Macchina del pane, Pane & lievitati
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Sformatini di riso al cocco con canditi Successivo Torta rovesciata con ananas senza burro nè zucchero

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.