Crea sito

Crostata con confettura di mele fatta in casa

Crostata con confettura di mele fatta in casa: le crostate son quei dolci difficili da fotografare e vi chiederete il perché! Non per la forma o chissà che cosa, ma perché una volta sfornate, anche se calde, c’è sempre qualcuno che va a tagliare una fetta di nascosto!

Allora ecco, via sulla gratella, una foto e via prima che sia troppo tardi!!!

Per questa crostata ho utilizzato una frolla semi-integrale (potete trovare tante mie idee —> QUI, da quella di riso a quella alle mandorle, da quella con i tuorli sodi a quella all’olio…. avete solo l’imbarazzo della scelta.

Mentre per il ripieno, una deliziosa confettura di mele (la ricetta ed il procedimento —> QUI ); a vostro piacimento potete omettere l’uvetta sultanina, come ho fatto io questa volta.

Crostata con confettura di mele fatta in casa
  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 35-40 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 10 fette
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

Preparazione

  1. Dopo aver seguito il passo passo per ottenere la pasta-frolla e la confettura nei relativi articoli QUI e QUI, ho steso la prima sul piano di lavoro infarinato (oppure tra due fogli di carta-forno), tirandola a circa 4 mm e ricoperto con questa, uno stampo da crostata, meglio se a cerniera, anti-aderente di circa 22-24 cm di diametro.

  2. Ho bucherellato con i rebbi di una forchetta il fondo e ricoperto con abbondante confettura di mele.

  3. Ho decorato con le classiche striscioline ottenute dai ritagli della pasta-frolla rimasta.

  4. Se avanzasse un pò di pasta, ottenete dei biscottini con delle formine.

  5. Ho infornato e cotto per circa 35-40 minuti a 180° forno già caldo (se la crostata con confettura di mele iniziasse a dorare troppo, continuate comunque la cottura ma appoggiatevi sopra un foglio di carta-alluminio).

  6. crostata con confettura di mele fatta in casa

    Una volta raffreddata, l’ho spolverizzata di zucchero a velo.

Note

Paola

Pubblicato da Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.