Spezzatino di tacchino ai funghi

Spezzatino di tacchino ai funghi: sebbene ami cucinare, durante la settimana non ho molto tempo da dedicare all’arte culinaria, se non qualche mezz’ora nella pausa pranzo, per cuocere una pasta veloce o per preparare un’insalata completa.

Lo spezzatino di cui vado a scrivervi la ricetta è un piatto che io trovo confortante, non solo durante la stagione fredda ma, vi sembrerà strano, anche durante l’estate.

La comodità è che lo preparo la sera prima di andare a dormire e, il giorno dopo, a pranzo o a cena, e sufficiente scaldarlo e servirlo a tavola!

Come diceva mia nonna: “Spezzatino, baccalà, lasagne e sarde in saor, son più buoni il giorno dopo!” e aveva perfettamente ragione, poichè i sapori hanno tempo di amalgamarsi bene e di accentuarsi.

Lo spezzatino di tacchino ai funghi è perfetto accompagnato da una bella polentina morbida e fumante!

Spezzatino di tacchino ai funghi
  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 45-50 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 500 g Carne di tacchino
  • 300 g Funghi porcini
  • una Carota
  • una Costa di sedano
  • un Cipollotto fresco
  • uno spicchio di Aglio
  • 1 l Brodo vegetale
  • un bicchieri Passata di pomodoro
  • 4 cucchiai Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale e Pepe
  • q.b. Origano, salvia, timo a piacere

Preparazione

  1. In un tegame capiente, ho messo a rosolare nell’olio caldo, la carota, il cipollotto ed il sedano tritati grossolanamente,  lo spicchio di aglio leggermente schiacciato, ancora con la sua camicia e due foglie di salvia.

  2. Non appena inizia la doratura, ho tolto l’aglio e ho aggiunto la carne di tacchino tagliata a quadrotti, girato qualche secondo per insaporire il tutto ed aggiunto una tazza di brodo e la passata.

  3. Ho coperto con un coperchio e lasciato stufare a fiamma bassa per circa un quarto d’ora.

  4. A questo punto, ho unito i funghi ben puliti dalla terra (e ben lavati sotto l’acqua corrente… lo so non si dovrebbe fare ma io non ci riesco!! li lavo velocemente e bene!) tagliati a pezzetti.

  5. Ho aggiunto un paio di mestoli di brodo e continuato la cottura per altri venti minuti circa, o fino a quando il liquido non si sarà assorbito.

  6. Poco prima di spegnere il fuoco, ho salato e pepato (aggiungete foglioline di erbe aromatiche a piacere).

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Secondi di carne, Secondi, piatti unici, contorni, uova ed insaporitori
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Norimberga in due giorni: dal sacro romano impero alle adunate naziste Successivo Tortine con ribes sofficissime

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.