Crea sito

Pane ai cereali e semi misti – con e senza la macchina del pane

Pane ai cereali e semi misti – con e senza la macchina del pane

Premetto: impastare a mano, lo continuiamo a fare ed è sempre una gran gioia, ma da quando abbiamo una macchina del pane (ora due perchè ne abbiamo ricevuto in dono un altra!), una volta a settimana, sforniamo un bel pagnottone, utilizzando combinazioni diverse di farine!

Spesso ci lasciamo ispirare aprendo gli sportelli della dispensa!

Anche per questo pane, dal sapore e dalla sofficità unica, abbiamo usato l’estratto di malto, un miglioratore naturale, che aiuta la lievitazione aiutando a trasformare l’amido di frumento in zuccheri.

L’estratto di malto non altera il sapore del pane, lo potete utilizzare a piccole dosi, un cucchiaino ogni 200 – 250 g di farina andrà benissimo.

Se non lo possedete, potete utilizzare un altro miglioratore che sicuramente avrete nelle vostre case: il limone.

Un cucchiaio di succo di limone ogni 200-225 g di farina ha la funzione di stabilizzare la maglia glutinica e di trattenere i gas formati dall’azione del lievito.

Un’altra versione di pane ai cereali: QUI

Pane ai cereali e semi misti
  • Preparazione: Minuti
  • Cottura: 3 ore e 15 impasto, lievitazione e cottura con la macchina del pane Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 10 fette da 100 g circa
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 200 g Farina di grano tenero di tipo 1 (oppure 0)
  • 200 g Farina integrale
  • 100 g Farina di segale
  • 75 g Farina d'avena (o di farro)
  • 300 ml Latte
  • 140 ml Acqua
  • 2 cucchiai Miele
  • 1 cucchiaio Malto (facoltativo)
  • 25 g Burro (o due cucchiai di olio)
  • 2 cucchiaini Sale
  • 2 cucchiaini Lievito di birra secco
  • 2 cucchiai Semi di lino
  • 2 cucchiai Semi di sesamo bianco

Preparazione

  1. Con la macchina del pane…

    Basta seguire questo schema…

    1. preparare tutti gli ingredienti pesati prima di iniziare
    2. inserire nel cestello gli elementi liquidi sul fondo, in questo caso, acqua e latte a temperatura ambiente, burro liquefatto non caldo
    3. coprire i liquidi spolverizzando lentamente con le farine fino a versarle interamente, compreso malto.
    4. da un lato del cestello deporre il sale
    5. dall’altro il miele
    6. al centro della farina formare un leggero incavo senza arrivare al liquido e deporvi il lievito di birra (se in panetto, sbriciolatelo)
    7. impostare il programma (in questo caso “PANE CLASSICO”)
    8. a seconda del tipo di mdp inserite i semini dopo il segnale acustico
    9. premere avvio e attendere il bip-bip che avvisa il termine di cottura
  2. Pane ai cereali e semi misti

    Senza la macchina del pane…

    Nel caso non abbiate la macchina del pane, procedete come d’abitudine, nell’impastatrice oppure in una terrina, o sulla spianatoia, versando le farine a fontana, creando una fossetta sufficientemente grande dove andare a depositare l’acqua e il latte dove avrete precedentemente fatto sciogliere il lievito assieme al miele, per ultimo il sale, poi procedete con la lievitazione (maturazione) fino al raddoppio.

    Impastare qualche secondo l’impasto a mano e passarlo in uno stampo da plumcake o da pane in cassetta leggermente imburrato oppure ricoperto di carta forno, per la lievitazione.

  3. Attendete il raddoppio e infornate a a 200° (forno ventilato già caldo, va benissimo anche statico) e cuocere il pane ai cerali per circa 50 minuti, controllandone la cottura e doratura durante gli ultimi dieci minuti; se necessario coprire con un foglio di carta alluminio e abbassare il forno a 170° sul finire.

  4. Pane ai cereali e semi misti

Note

Il pane ai cereali e semi misti si conserva perfettamente all’interno di un sacchetto di carta per alimenti per alcuni giorni; se volete lo potete tagliare a fette e congelare in sacchetti di plastica per alimenti.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Paola

Pubblicato da Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.