Gnocchi di semolino – ricetta base

Print Friendly, PDF & Email

Gnocchi di semolino – ricetta base: un’ottima alternativa agli gnocchi classici, da condire con il vostro condimento preferito, ragù di carne, sugo al pomodoro, deliziosi anche semplicemente con burro e salvia.

Dopo gli gnocchi alla romana ho scelto utilizzare il semolino che avevo in dispensa da un pò di tempo, in una maniera un pò diversa, cimentandomi per la prima volta in questi delicati gnocchetti, velocissimi da realizzare e che accontentano tutti i palati.

gnocchi di semolino
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Semolino 250 g
  • Latte 1 l
  • Parmigiano reggiano 50 g
  • Tuorli 2
  • Burro 40 g
  • Farina q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. In un pentolino, ho messo a scaldare il latte assieme al burro e qualche pizzico di sale, una volta raggiunto il bollore, ho unito a pioggia il semolino, sempre mescolando con un cucchiaio di legno, fino ad incorporarlo tutto, dopo di che, ho aggiunto i tuorli d’uovo ed il formaggio grattugiato.

  2. Ho ottenuto una massa piuttosto uniforme che ho poi messo a raffreddare.

    Una volta raggiunta la temperatura ambiente, ho infarinato per bene la spianatoia e  ottenuto con l’impasto, tanti rotolini, che ho poi tagliato e, ad uno ad uno a pezzetti, e poi fatti scivolare con una leggera pressione, sopra i rebbi di una forchetta, per ottenere la classica forma che raccoglie perfettamente il condimento!

    nb. meglio ancora, il classico riga-gnocchi!

Note

Gli gnocchi di semolino si cuociono in abbondante acqua salata fino a quando arrivano a galla, poi si tolgono delicatamente con un colino facendo attenzione a non rovinarli e si condiscono immediatamente.

Altre ricette base (dagli gnocchi classici, alla salsa al pomodoro, al ragù ecc) —> QUI

This post has already been read 402 times!

Le ricette base a modo mio, Primi
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Torta di mele e melagrana Successivo Biscotti senza zucchero con frutta essiccata

Lascia un commento