Garam masala fatto in casa, una mia interpretazione

Garam masala fatto in casa: di questo famoso mix di spezie originario dell’India e del Pakistan ne esistono molteplici varianti, tutte diverse tra loro per via delle varie combinazioni delle spezie utilizzate.

Da diverso tempo mi promettevo di realizzarne uno in casa in modo da utilizzarlo in qualche preparazione etnica e impreziosire qualche piatto della cucina di tutti i giorni.

Anche per questa ricetta, come per quella dell’insaporitore alle spezie piccante, ho preso spunto dal libro “Peperoncino. Ricette piccanti, segreti e curiosità” di Thomasina Miers, vincitrice di un datato MasterChef UK, un interessantissimo libro che svela i segreti su come utilizzare il peperoncino in cucina nelle più svariate preparazioni.

Ho modificato leggermente le quantità degli ingredienti e ne ho fatto una versione tutta mia!

In realtà non è tutta farina del mio sacco, è entrato in gioco, come per tante altre ricette, il mio compagno Arkifood! 🙂

Al mortaio è eccezionale!

Il garam masala si può usare per cucinare carni, bianche o rosse (ottimo nei brasati) e per condire pasta e patate (delizioso nelle patate al forno).

Per la quantità, a vostro piacimento, a me piace abbondare.

Garam masala fatto in casa
  • Difficoltà:Molto Bassa
  • Preparazione:20 minuti
  • Cottura:2-3 minuti
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • 2 cucchiai Baccelli di cardamomo
  • 2 cucchiai Semi di coriandolo (in mancanza, in polvere)
  • 1 cucchiaio Cumino in polvere
  • 4-5 Peperoncini secchi interi
  • 1 Bastoncino di cannella
  • 2 cucchiaini Pepe nero in grani
  • 1 cucchiaino Grani di senape
  • 1 cucchiaino Sale (non necessario)

Preparazione

  1. Ho riscaldato un padellino sul fuoco, senza aggiungere grassi di alcun genere.

    Una volta caldo, ho aggiunto e tostato le spezie, per qualche minuto, facendole saltare ogni tanto (oppure mescolando con un cucchiaio di legno).

     

  2. I baccelli di cardamomo, vanno aperti e raccolti solo i semini.

    Dopo qualche minuto, le spezie rilasceranno i loro inebrianti aromi…

  3. Le ho passate al mortaio e con un pò di pazienza le ho ridotte in polvere.

  4. Il garam masala si conserva perfettamente in vasetti di vetro per un anno e anche di più… 😉

This post has already been read 633 times!

Insaporitori, Le ricette base a modo mio, Ricette dall'estero, Secondi, contorni, uova ed insaporitori, Vegan
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Biscotti di frolla con farina di riso Successivo Torta di mele e cocco

2 commenti su “Garam masala fatto in casa, una mia interpretazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.