Tiramisù – la ricetta della nonna

Tiramisù – la ricetta della nonna

Tiramisù – la ricetta della nonna: sarebbe meglio dire el tirame-su, in veneto, visto che questo dolce, tra i più amati d’Italia, nasce proprio qui, nella mia regione, più precisamente a Treviso! Fu proposto per la prima volta, circa due lustri fa, nel ristorante “Alle beccherie”, da un cuoco pasticcere, che ebbe l’idea di amalgamare pochi, semplici ingredienti e dar vita a quello che poi diventò il fortunato dessert!

Tiramisù - la ricetta della nonna

La ricetta originale prevede anche l’utilizzo degli albumi montati a neve, ma io lo faccio da quando ero piccola, sempre allo stesso modo, ovvero seguendo la ricetta dei nonni!

Si dice anche che bisognasse amalgamare al mascarpone, pari peso di zucchero…. ma per i miei gusti, sicuramente risulterebbe troppo dolce!

Ingredienti:

  • 500 gr di mascarpone
  • 4 tuorli d’uovo
  • 5 cucchiai di zucchero semolato
  • 250 – 300 gr di savoiardi
  • due tazzine di caffè lungo
  • topping alla nocciola qb (in alternativa, cacao amaro in polvere)


Procedimento:

Ho sbattuto i tuorli assieme allo zucchero con uno sbattitore elettrico fino ad ottenere una consistenza spumosa.

Aggiunto il mascarpone e amalgamato perfettamente.

Ho composto il tiramisù in una capiente pirofila, cominciando da uno strato di savoiardi bagnati nel caffè allungato con poca acqua, uno strato di crema al mascarpone e continuato così, alternando gli strati, fino a finire la crema.

Ho terminato con delle linee parallele di topping alla nocciola distanziate circa due dita, una dall’altra,  e, con l’aiuto di uno stecchino, ho tirato superficialmente delle strisce dalla parte opposta, una in un verso e una nell’altro, in modo da ottenere un effetto zebrato! Non è importante la perfezione! 😉

Ho riposto in frigorifero per un paio di ore.

CONSIGLI…

Utilizzate solo ed esclusivamente prodotti freschi.

I nonni e la mamma spolveravano la superficie con del cacao amaro in polvere.

Al posto del caffè, potete usare una bagna dal sapore più deciso, ottenuta per metà da rum e metà di caffè.

Preparatelo la sera prima, e conservatelo in frigo fino al momento di servire, il giorno dopo è ancora più buono.

Servito in coppette mono-porzione è l’ideale per un fine pasto festoso ed elegante.

Potete leggere la ricetta del tiramisù alternativo alle fragole cliccando—-> QUI e quella del tiramisù in vasetto alle fragole —> QUI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

This post has already been read 2062 times!

Print Friendly, PDF & Email
... al cucchiaio e creme per farciture, Dolci tentazioni / , , , , ,
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

2 thoughts on “Tiramisù – la ricetta della nonna

Lascia un commento