Crea sito

Frittelle salate (zeppole o pasta cresciuta)

zeppole

Fateli ma a vostro rischio e pericolo poichè è scientificamente provato: le frittelle salate chiamate anche zeppole o pasta cresciuta, sono così semplici e allo stesso modo così appetitose che nessuno può resistergli!
In un colpo di ciglia vedrete sparire non solo la ciotola ma anche vostro marito!!! Dunque siete avvisate! 🙂

Ingredienti:

– 300 gr di farina 00
– 320 ml di acqua
– 3/4 di cubetto di lievito di birra
– la punta di un cucchiaino di zucchero
– mezzo cucchiaino di sale

– cucchiaio di olio extra-vergine di oliva

– olio di arachide per friggere

Procedimento:

In una ciotolina ho sciolto il lievito e lo zucchero in 50 ml di acqua tiepida.
Con l’ aiuto dell’ impastatrice (naturalmente si può fare anche a mano) ho mescolato farina, olio, il lievito sciolto, poi ho aggiunto poco per volta il resto dell’ acqua, sempre tiepida.
Per ultimo il sale, mi raccomando, altrimenti verrebbe compromessa la lievitazione.

Ho coperto il recipiente con un canovaccio e ho atteso che il panetto raddoppiasse di volume ( circa 1 h e mezza )

Ho tuffato il composto a cucchiate nell’ olio bollente ed il gioco è fatto!

Ho fatto in tempo a spegnere i fuochi, girarmi… che il piatto con le zeppole era già sparito!

NB. Questa che ho fatto è la versione base, potete farle farcite unendo all’ impasto, quello che più vi piace: acciughe, prosciutto cotto, funghetti trifolati, capperi…
In alternativa potete aggiungere qualche cucchiaino di semi di anice o di finocchio.

La ricetta vi è piaciuta? vi va di diventare miei followers?!
Questa è la mia pagina: Il piacere dei sensi …vi aspetto!

Altre idee…

Grissinotti di pasta sfoglia light alla menta e peperoncino

Girelle di pasta sfoglia light con provola piccante, menta e pepe verde

Cannoncini salati con crema al philadelphia e olive

Paola

Pubblicato da Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava a quelle dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

2 Risposte a “Frittelle salate (zeppole o pasta cresciuta)”

    1. Ciaoooo Cinzia!! che bello vederti!!! le zeppole sono veramente “pericolose” fanno venire l’ acquolina… poi si assaggiano…. e non ci si riesce più a fermare!!! buona giornata carissima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.