Il polpettone “come lo fa la mamma”

Il polpettone "come lo fa la mamma"

Come lo fa la mamma il polpettone, non lo fa nessuno! ho provato a farlo alla sua maniera ma secondo me manca sempre quel qualcosa in più… quel qualcosa in più che ci mettono le mamme! ma voglio comunque condividere con voi la sua ricetta, che a sua volta ha ricevuto dalla mamma e così via…
Il segreto secondo me…. è che viene fatto pesando gli ingredienti ad occhio, quell’ occhio esperto dell’ esperienza!

Il polpettone è uno di quei piatti che quando si fa, sembra di tornare bambine, ci si sente per come dire “a casa”!: lo ricordo come piatto jolly, spesso domenicale, accompagnato ad una valanga di patatine arroste o fritte!

Ingredienti:

– 200 gr di macinata di vitello (o di manzo)
– 200 gr di macinata di maiale
– 50 gr di grana padano
– un bicchiere di latte
– 50 gr di pane tipo toscano (senza la crosta)
– 1 uovo
– prezzemolo qb
– noce moscata qb
– rosmarino e salvia qb
– sale & pepe verde qb
– olio extravergine di oliva qb

Procedimento:

In una terrina ho messo in ammollo nel latte a temperatura ambiente, il pane toscano, privato della crosta, tagliato a quadrottini.

A parte in un’ altra terrina capiente, ho amalgamato con le mani, la carne macinata con l’ uovo, un bel pò di prezzemolo tritato, il grana padano grattugiato, un pizzico di noce moscata, due-tre macinate di pepe verde, due-tre pizzicotti di sale e per ultimo il pane precedentemente ammollato nel latte, strizzato leggermente.

E qua viene il bello… la mamma formava il polpettone e lo avvolgeva con un canovaccio come fosse qualcosa di prezioso e lo depositava con cautela nell’ acqua salata bollente, nella famosa pentola ovale a bordi alti.
Io ho optato per la carta forno, come vedete nella foto, formando un caramellone!

Il polpettone "come lo fa la mamma"

Ho bollito per 15 minuti la caramellona, lasciata raffreddare un attimo, tolto la carta, depositata in una pirofila leggermente oliata, ricoperto abbondantemente con rosmarino e salvia sia in foglie che tritate, cosparso con un pizzico di sale e una macinata di pepe verde, ancora un filo di buon olio e cotto per un’ ora in forno caldo (200°) o anche più, fino a quando fa una bella crosticina!

Il polpettone "come lo fa la mamma"

Una volta tolto dal forno e raffreddato, l’ ho tagliato a fette spesse e depositate in una pirofila in attesa di essere passate nuovamente in forno prima che arrivino gli ospiti! 🙂

Con questa ricetta partecipo al contest Ricette di casa di Chezuppa.com

contest ricette di casa

La ricetta vi è piaciuta? vi va di diventare miei followers?!
Questa è la mia pagina: Il piacere dei sensi …vi aspetto!

Altre ricette passaparola:

Polpettine di carne ricoperte di spezie e semi al forno

Risotto “C’era una volta” con biete, cicoria e pecorino romano

Risotto al limoncello

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

This post has already been read 2675 times!

Print Friendly, PDF & Email
Secondi di carne, Secondi, contorni & uova , , , , , ,
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Cioccolatini con marzapane aromatizzati all'alchermes Successivo Risotto con bieta, cicoria e pecorino romano

6 thoughts on “Il polpettone “come lo fa la mamma”

  1. Hai ragione, con il polpettone anche a me mi vengono in mente i ricordi di quando ero piccina piccina!! 🙂 Non l’ho mai bollito il polpettone sai?! Per me è nuova questa cosa, ma sono curiosa di provarla!

    • Paolailnuovopiaceredeisensi il said:

      Ciao Caty! fatto in questo modo il polpettone rimane morbidissimo, inoltre quando poi cuoce in forno non rischia di aprirsi o deformarsi, poichè ha già una forma definita e compatta!
      Usando il metodo della mamma originale, ovvero col canovaccio, è anche più leggero poichè il grasso della carne si disperde nell’ acqua…
      A presto! baci!

  2. Tesoro, mi hai dato un’idea per un pranzo domenicale. Sostituirò la carne con la soia ma un bel polpettone è da tantissimo che non lo preparo. Di solito lo inforno direttamente, senza bollirlo prima, ma così penso che resti più morbido all’interno…che belle le ricette della mamma!! Baci, carissima!!

Lascia un commento