Bloody Mary ricetta a modo mio

Bloody Mary ricetta a modo mio

Bloody Mary ricetta  a modo mio: oggi vi parlo di un cocktail famosissimo in tutto il mondo dalla paternità controversa! Tutto ruota attorno al barman Petiot, in attività negli anni ’20 a Parigi, presso il frequentatissimo Harris New York Bar, che si diletta a sperimentare nuove ricette con la vodka combinandola con il succo di pomodoro.

bloody mary ricetta

Frequentatissimo in quegli anni da artisti, tra questi Heminguay, che pensano di utilizzare il nuovo e bizzarro cocktail (chiamato semplicemente Tomato juyce cocktail), come rimedio alle sbornie delle nottate in giro per locali.

Una decina di anni più tardi, Petiot lavora a New York presso il King Cole Bar e serve tutte le sere orgoglioso il proprio cocktail, quando casualmente, una di quelle sere, si diede al bancone l’attore George Jessel che ne rivendica la paternità scatenando le furie del povero Petiot. In realtà l’attore aveva solamente dato il nome al cocktail, dal generico Tomato Juice in Bloody Mary (letteralmente Maria la sanguinaria) ricordando Maria Tudor al centro delle vicende legate alle sanguinose persecuzioni in Inghilterra durante il XVI secolo contro i protestanti.

Negli anni la ricetta viene modificata più volte nelle proporzioni degli ingredienti: da metà vodka e metà pomodoro, a un terzo di vodka e due terzi di pomodoro.

Attualmente la ricetta codificata prevede 6 parti di succo di pomodoro, 3 parti di vodka, una parte di succo di limone, sale, pepe, qualche goccia di tabasco e salsa worchester.

Ecco la mia versione… 😉

Ingredienti:

  • 6 parti di succo di pomodoro Pomì
  • 3 parti di vodka
  • 1 parte di succo di mapo
  • una foglia di menta fresca
  • qualche goccia di salsa worchester e di tabasco
  • pepe e sale a piacere
  • foglie di menta e fettine di mapo a piacere

Procedimento:

Ho messo gli ingredienti, compreso una foglia di menta spezzettata, in un blender e, miscelato il tutto con delicatezza.

Ho servito passando il tutto attraverso un colino a maglia larga per trattenere i pezzetti di menta, aggiungendo una fettina di mapo sul bordo del bicchiere e una fogliolina di menta.

bloody mary ricetta

Eventualmente aggiungere qualche cubetto di ghiaccio.

bloody mary ricetta

CURIOSITA’…

I parenti del Bloody Mary:

BLOODY MARIA con tequila

VIRGIN MARY senza alcolici

RED SNAPPER con il gin

MICHELADA con la birra

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

This post has already been read 539 times!

I peccati di Bacco / , , , , , , ,
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

5 commenti su “Bloody Mary ricetta a modo mio

Lascia un commento