Crea sito

Sbriciolata alle pere, amaretti e uvetta

Sbriciolata alle pere, amaretti e uvetta

Penso che questa sia la sbriciolata più buona che abbia mai fatto!

Non lo so per quale motivo, ma i sapori si fondevano così bene assieme che ad ogni boccone mi sembrava di essere in paradiso! 😀

Ho pensato di aggiungere alla classica sbriciolata, una base di pasta frolla sottilissima per fare in modo che le fette rimanessero compatte, anche perchè questa è una sbriciolata alle pere morbidissima, soprattutto al centro dove pera e amaretti si abbracciano e si fondono assieme in un turbinio di sapori!

Ingredienti:

per la pasta frolla…

– 125 gr di farina 00

– 50 gr di zucchero a velo

– un tuorlo

– 70 gr di burro

– un pizzico di sale

per la copertura di briciole

– 100 gr di farina di mais fioretto

– 100 gr di farina 00

– 100 gr di zucchero

– 100 di burro

– un tuorlo

– buccia di mezzo limone non trattato

in più….

– una pera (ho usato una Kaiser)

– 10-12 amaretti

– 4 cucchiai di marmellata di albicocche

– 3 cucchiai di uvetta sultanina

– succo di mezzo limone

– zucchero a velo qb

Procedimento:

Ho cominciato dalla frolla, disponendo a fontana la farina e nel cratere ho versato, burro precedentemente sciolto al microonde e lasciato raffreddare, zucchero, uovo, sale e impastato energicamente fino ad ottenere un composto abbastanza omogeneo (ricordate che la frolla non va mai lavorata a lungo).

L’ho messa in frigorifero a riposare mentre preparavo la pasta che andrà a formare le briciole in superficie in questo modo:

In una terrina capiente (o con l’ impastatrice con il gancio K), ho mescolato velocemente farine, uovo, zucchero, burro tagliato a quadrottini appena tolto dal frigo e buccia del limone grattugiata.

Non appena ho visto formarsi delle grosse briciole di impasto, mi sono fermata e ho messo il recipiente in frigorifero.

Nel frattempo ho lavato, sbucciato e tagliato a fettine la pera e messa a bagno in un recipiente con dell’acqua e succo di limone per non farla annerire.

Ho messo in ammollo l’uvetta sempre in acqua acidula.

Non mi è rimasto che comporre la torta:

Ho steso la pasta frolla direttamente sopra un foglio di carta-forno, con il mattarello infarinato fino ad ottenere una sfoglia sottilissima (2-3 mm andrà benissimo).

Ho sbriciolato sopra la metà degli amaretti, distribuito le fettine di pera sgocciolate dall’acqua acidula, l’uvetta strizzata, fiocchetti di marmellata, gli amaretti rimasti sbriciolati e sopra le briciole del secondo impasto.

sbriciolata alle pere

Ho infornato a 180° (forno già caldo) per 30 minuti.

sbriciolata alle pere

sbriciolata alle pere

nb. Con la pasta frolla che avanzerà potete fare dei biscotti semplici per la colazione, io ne ho glassato qualcuno, o la potete congelare per utilizzarla quando più vi fa comodo!

Spesso, mi ritrovo a farne il doppio della dose, proprio per questo motivo… è molto comodo averne sempre di pronta!

 

Altre idee con le pere…

(clicca sulla foto per la ricetta) 

crostata con crema pasticcera e pere caramellate
Crostata con crema pasticcera e pere caramellate
Torta mele e pere light
Torta mele e pere light
Sbriciolata alle pere e gocce di cioccolato
Sbriciolata alle pere e gocce di cioccolato

torna alla —>[maxbutton id=”2″]

Paola

Pubblicato da Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

8 Risposte a “Sbriciolata alle pere, amaretti e uvetta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.