Crea sito

Pentole della salute: step by step

Prima di iniziare, successivi utilizzi, consigli e raccomandazioni

Messa in uso:

Prima di utilizzarle, le Pentole della Salute devono essere sottoposte ad un semplice trattamento, che prevede rapidi passaggi. Questo servirà a proteggere e prolungare la vita delle vostre pentole.

Tempo totale:

15 minuti

COSA SERVE:

– detersivo per piatti a mano
– spugnetta
– acqua
– olio vegetale
– carta da cucina
– fornello


COME PROCEDERE:

le pentole della salute step 1

Fase 1

Lavare la pentola con qualche goccia di detersivo per piatti a mano usando una spugnetta o un panno morbido.
Procedere al risciacquo.

le pentole della salute

Fase 2

Asciugare con uno strofinaccio e ungere la superficie con poco olio vegetale aiutandosi con dei fogli di carta da cucina.

le pentole della salute step 3

Step 3

Scaldare la padella a fuoco alto per 30 secondi.

Solo nel caso abbiate pentole e casseruole…

Dopo la prima fase, riempire di acqua corrente la pentola a 3/4 della sua capienza, e portarla ad ebollizione per 15 minuti.
Successivamente svuotarla, lasciarla raffreddare e procedere alle fasi successive.

Successivi utilizzi

  • Per migliorare l‘anti-aderenza, passare una piccola quantità di olio all’interno della pentola e stenderla con l’aiuto di qualche foglio di carta-forno su tutta la superficie. Scaldarla a fuoco vivo per 30 secondi, poi abbassare la fiamma e unire l’alimento da cuocere, aggiungendo altro olio o liquidi come da ricetta.
  • Per quanto riguarda teglie, tortiere e stampi da plumcake è sufficiente ungere la superficie ed inserire l’alimento da cuocere nel forno. L’anti-aderenza aumenta con l’uso.
  • Tenere sempre la fiamma medio/bassa durante la cottura, mai alta.

Consigli

  • Si consiglia di lavare le pentole (lasciandole prima raffreddare) a mano, con acqua tiepida/calda e sapone per piatti. E’ possibile anche l’utilizzo della spugna abrasiva, in quanto la superficie è inasportabile, priva di cessione tossiche, cancerogene e allergizzanti.
  • Nel caso ci siano dei residui di cibo attaccati sul fondo, lasciare a bagno in acqua calda affinchè questi si ammorbidiscano per poi asportarli più facilmente con la spugna.
pentole della salute residui di cibo
  • Il cibo si può conservare per 2/3 giorni in frigorifero, all’interno delle stesse pentole.
  • Alcuni cibi potrebbero lasciare delle macchie sulla superficie, questo non compromette la funzionalità della pentola.
  • Attenzione ai manici che durante una cottura prolungata sul fornello potrebbero surriscaldarsi, dunque maneggiateli con cura.
le pentole della salute scottature in cucina

Raccomandazioni

  • Gli alimenti dove è assolutamente necessario tenere la fiamma al minimo, sono quelli acidi, come per esempio uovo e sugo di pomodoro.
  • Se le lavate in lavastoviglie, utilizzare prodotti liquidi bio-ecologici come “Tea Natura” evitando tutti i detersivi alcalini, contenenti soda o agenti sbiancanti aggressivi.
  • E’ sconsigliato conservare i cibi all’interno delle pentole fuori dal frigorifero in quanto l’acidità di certi cibi potrebbe danneggiare il trattamento,
  • Come per tutte le pentole, evitare di farle cadere poichè potrebbero danneggiarsi.
  • I prodotti de “Le pentole della salute” non possono essere utilizzati per la cottura a microonde e tutti i prodotti con manico non possono essere utilizzati per la cottura nel forno.
Le pentole della salute no cottura a microonde
Non usare per la cottura a microonde
  • Non lasciare mai una pentola vuota sopra un fuoco acceso per un tempo prolungato poichè potrebbe danneggiarsi.
le pentole della salute che bruciano
Paola

Pubblicato da Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.