Panini con tacchino e ricotta

Panini con tacchino e ricotta: è capitato diverse volte che qualche signora mi scrivesse in privato chiedendomi di suggerirle delle idee per farcire tramezzini e panini in vista di un buffet o di un aperitivo tra amici.
Questa volta la richiesta è stata specifica: farciture il più possibile leggere in modo da poter mangiare qualcosa di più senza troppi sensi di colpa.
Eccomi subito all’opera con dei paninetti morbidi Pandittaino (oppure potete farli in casa, qualche mia ricetta –> QUI e QUI, se preferite, ecco il pane in cassetta —> QUI e QUI ) che ho pensato di imbottire con della ricotta di pecora e pomodorini leggermente conditi, affettato di tacchino e qualche oliva!
Semplici e golosi, sono sicura che in tanti apprezzeranno la loro leggerezza!
Ogni panino pesa 50 g e rimane morbidissimo per più giorni, anche dopo l’apertura della confezione.
Potete sostituire, l’affettato di tacchino con quello di pollo o del prosciutto cotto magro, e la ricotta con del formaggio spalmabile light allo yogurt, infine i pomodorini con dei cetriolini sott’aceto affettati sottilmente.

Panini con tacchino e ricotta
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Porzioni8 panini
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gAffettato di tacchino
  • 150 gRicotta
  • 100 gPomodorini
  • 8Olive verdi
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale e pepe

Strumenti

  • Coltello
  • Bastoncini di plastica

Preparazione

  1. Ho condito leggermente in una terrina, i pomodorini, precedentemente lavati e tagliati a fettine, con sale, pepe e poco olio.

  2. Panini con tacchino e ricotta pandittaino

    Ho tagliato in due orizzontalmente i paninetti, spalmato un cucchiaio di ricotta sulla base, aggiunto una fetta di affettato di tacchino e qualche rondella di pomodorino.

  3. Panini con tacchino e ricotta pandittaino

    Ho richiuso i panini fermandoli con uno stecchino ed un oliva.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Antipasti & stuzzicherie
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Ciambelline morbidissime senza uova Successivo Biscotti esprimi un desiderio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.