Crea sito

Palline al cioccolato fondente con cocco e frutta candita – Manuel Caffè

Palline al cioccolato fondente con cocco e frutta candita

Se penso che il caffè, fu bollato dalla Chiesa nel XVII secolo, allora Vino d’Arabia, per via delle sue proprietà eccitanti (si diceva raddoppiasse l’io) mi viene da sorridere…

Per me è un momento irrinunciabile per iniziare con la giusta carica la giornata, ma non solo, anche un momento di dolcezza, una pausa rilassante per ritagliarmi uno spazio tutto per me stessa!

Sono d’accordo con Giuseppe Verdi  “Il caffè è il balsamo del cuore e dello spirito

Immaginate un momento di pura tranquillità, a metà mattinata o nel bel mezzo del pomeriggio… quello è il momento giusto per preparare un buon caffè!; da sola, con il compagno o con qualche amica, caricare la moka quasi fosse un rito, attendere in silenzio il gorgoglio che avvisa che è ora di spegnere il fuoco, pura meditazione, paragonabile al rumore della legna che brucia nel camino o al ticchettio della pioggia sui vetri! e che dire del degli aromi che si sprigionano dalla caffettiera…

Quando ero piccola non mi era concesso bere caffè, al massimo di assaggiarlo assieme al latte, ma ricordo come fosse ora l’atmosfera che si creava nel momento del caffè di metà pomeriggio… in particolare il tintinnio delle tazzine mentre si preparava il vassoio e poi quando si mescolava lo zucchero!

Qui in Veneto ho notato che il caffè si beve il più delle volte frettolosamente al bar, direttamente al bancone: corto, lungo, macchiato, macchiatone, decaffeinato, ristretto, con latte freddo, con latte caldo, con schiuma, senza schiuma, in tazza grande, con panna, liquore alla sambuca, freddo, e shakerato…. quanti modi di bere il caffè!!! Io lo adoro nero, senza zucchero nè latte, per carpirne meglio i sapori, gli aromi… i segreti!

Adoro i caffè corposi dal sapore aromatico, raffinato e delicato come Manuel caffè Dolcevita, mi ha conquistato con le sue spiccate note di cacao!

Al mattino appena sveglia, a metà mattina, dopo pranzo e dopo cena……. energizzante o rilassante?…. a voi l’ardua sentenza!

Pensateci 😀 … nel frattempo vi spiego come fare queste velocissime palline al cioccolato fondente con cocco e frutta candita, per accompagnare un caffè in completo relax, sono l’ideale! 😉

Palline al cioccolato fondente con cocco e frutta candita

Palline al cioccolato fondente con cocco e frutta candita

Ingredienti per 25-30 palline:

– 300 gr di cioccolato fondente

– 150 gr di ananas e mango canditi (o altri frutti)

– 120  gr cocco disidratato

– 100 gr di granella di mandorle

– 30 gr di burro

– 120 ml di panna fresca

– 2 cucchiai di rum

Procedimento:

A bagnomaria, ho sciolto il cioccolato fondente fatto a pezzetti assieme al burro, aggiunto la panna mescolando fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.

Ho spento il fuoco, ma ho lasciato il recipiente a bagnomaria, in modo da mantenerlo caldo, aggiunto la frutta candita che avevo precedentemente tritato e bagnato con il rum per una mezz’oretta, poi il cocco, poco per volta, continuando a mescolare con un cucchiaio di legno e amalgamato bene il tutto.

Con le mani, come si fa con le polpette, ho formato delle palline grandi come una noce e rotolate nella granella di mandorle.

nb. questa operazione va fatta quando le palline sono ancora tiepide, altrimenti la granella non si attacca.

Ho depositato delicatamente le palline al cioccolato fondente sopra un vassoio, e non appena a temperatura ambiente, passate in frigorifero a rassodare.

Palline al cioccolato fondente con cocco e frutta candita

Palline al cioccolato fondente con cocco e frutta candita si conservano in frigorifero dentro un contenitore ermetico per 3 giorni, ma si possono anche congelare e togliere una mezz’oretta prima di servirle a tavola.

Sono l’ideale per un buffet e ogni qualvolta abbiate bisogno di un pizzico di energia o di una coccola in più!

Scoprite tutta la gamma dei prodotti Manuel qui: www.manuelcaffe.it

Paola

Pubblicato da Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.