Muffins speck e radicchio (con lievito di birra)

Muffins speck e radicchio (con lievito di birra): degli appetitosi antipasti ottimi caldi ma anche tiepidi o a temperatura ambiente che si possono congelare e togliere dal freezer ogni qual volta ne avrete bisogno. Basterà scongelarli tutta la notte nel frigorifero e poi scaldarli leggermente nel forno caldo per qualche minuto.

Potete farcirli con la crema che preferite, anche l’accoppiata classica pomodoro e mozzarella andrà benissimo!

muffins speck e radicchio
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    20-22 minuti
  • Porzioni:
    12-14 muffin

Ingredienti

Per la pasta…

  • 450 g Farina (tipo 0 oppure 1)
  • 200 ml Acqua
  • 50 g Burro
  • 2 Uova
  • 4 g Lievito di birra secco (oppure 20 di quello fresco e se avete tanto tempo per far lievitare in tranquillità, potete scendere ad un grammo)
  • 1 cucchiaino Sale
  • la punta cucchiaino Zucchero
  • qualche cucchiaio Olio extravergine d’oliva (per la superficie)

Per la crema di radicchio e speck…

  • 300 g Radicchio rosso (già mondato)
  • 3 cucchiai Robiola (o formaggio cremoso)
  • 1 Cipollotto fresco
  • 3 cucchiai Parmigiano reggiano
  • 3 cucchiai Olio extravergine d’oliva
  • q.b. Sale e Pepe

Preparazione

  1. muffins speck e radicchio

    Per prima cosa ricordatevi di togliere le uova dal frigorifero così da poterle usare a temperatura ambiente, poi sciogliete il burro a bagno-maria o al microonde e lasciate raffreddare.

    In un capiente recipiente, o sopra il piano di lavoro, ho versato la farina a fontana, al centro l’acqua, il lievito (se è usate quello fresco spezzettatelo), il burro, le uova leggermente sbattute, il sale e l’acqua poco per volta, iniziando a lavorare con le mani, all’inizio con delicatezza, poi con vigore, fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea.

    Ho messo a lievitare l’impasto in luogo caldo della casa, avendo cura di coprire il recipiente con un canovaccio, fino al raddoppio (dipende dalla temperatura che avete in casa, io un paio di ore).

    nb. se usate una quantità più bassa di lievito, anche un paio di grammi bastano, lasciate lievitare tutta la notte in frigorifero.

    Nel frattempo mi sono occupata della crema…

    Ho tritato finemente il cipollotto e fatto rosolare con l’olio in una padella anti-aderente.

    Ho aggiunto il radicchio spezzettato, qualche pizzico di sale, coperto con un coperchio e lasciato cuocere, mescolando di tanto in tanto.

    A fine cottura (aquando anche il liquido che si sarà formato si sarà asciugato), ho aggiunto il formaggio cremoso, il parmigiano, qualche macinata di pepe, lo speck tagliato a listarelle.

    Ho trasferito il tutto nel trita-tutto e azionato ad intermittenza fino ad ottenere una crema (non preoccupatevi se rimane qualche pezzetto di speck visibile, è buonissimo anche a pezzetti).

    Ho ripreso la pasta ormai raddoppiata, picchiettata con i polpastrelli fino a formare un rettangolo di circa 35 x 25 cm, spalmato sopra la crema ottenuta , senza arrivare ai bordi, arrotolato la pasta su se stessa e formato un rotolo che ho poi tagliato a pezzi di circa 5 cm di larghezza.

    Per comodità, ho trasferito ogni pezzo all’interno di stampini di silicone leggermente imburrati alti 5-6 cm (li vedete nella foto) e cotto in forno per circa 20-22 minuti a 180°, controllatene la cottura durante gli ultimi minuti, e se necessario, coprite appoggiandovi sopra un foglio di carta-alluminio.

    Una volta cotti, li ho sfornati, tolti dallo stampino dopo qualche minuto e fatti raffreddare sopra una gratella.

     

Note

Salva

This post has already been read 1433 times!

Antipasti & stuzzicherie, Pane & lievitati
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Madeleines senza burro con farina di mais Successivo Ceci stufati alla birra

12 commenti su “Muffins speck e radicchio (con lievito di birra)

  1. Gnam gnam Paola quanto sono spettacolari i tuoi Muffins, adoro quelli in versione salata anche se pubblico spesso quelli dolci, come ho fatto anche nell’ultimo post!!! Posso mettere il lievito fresco ma utilizzarne molto meno? Non amo esagerare nelle dosi, preferisco far lievitare molto di più 😀

    • PaolaPaola il said:

      Ciao Luna ma certo ne puoi usare anche un grammo solamente quando hai tutto il tempo che vuoi per far lievitare! faccio anche io così!
      un bacione e arrivo subito da te.. nel tuo mondo incantato!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.