Crea sito

La passione di Cristo e la lűftlmalerei: benvenuti ad Oberramergau

A prima vista il piccolo villaggio di Oberammergau, circondato dalle cime innevate delle alpi bavaresi, potrebbe risultare poco attraente per venire inserito tra le tappe di un viaggio in Baviera o lungo la Romantiche Strasse.

La messa in scena della rappresentazione della “Passione di Cristo” (Passionspiele) e il colorato centro affrescato secondo i canoni della “lűftlmalerei” lo rendono, al contrario, una meta imperdibile per chi si trovi a passare da queste parti. Gli appassionati dei lavori di intaglio sul legno troveranno un motivo in più per visitarlo.

Passion Spiele (Gioco della Passione): le origini

Siamo attorno al 1630, in piena guerra dei trent’anni e, oltre ai danni e alle vittime causate dal conflitto un altro pericolo incombe sulla popolazione: la “black death”, altro nome con cui veniva chiamata la peste. Il villaggio è barricato dentro i suoi confini bloccando e controllando ogni via di accesso. Nonostante ciò un uomo è riuscito ad entrarvi. E con lui la peste contagiando praticamente tutto il paese.

Le cifre ufficiali parlavano di un centinaio di morti ma si prospetta che fossero molti di più. Non sapendo a chi votarsi gli abitanti ne fecero uno del tutto particolare. Nel caso fosse stata sconfitta come ringraziameto avrebbero rappresentato teatralmente la Passione di Cristo. Per sempre.

Nel 1634 si diede vita alla prima rappresentazione che doveva essere ripetuta ogni 10 anni. Solo più avanti, pur mantenendo la cadenza decennale, si decise che venisse messa in scena negli anni terminanti con lo zero, con alcune eccezioni. Fu annullata nel 1940 per via della II Guerra Mondiale, ma andò lo stesso in scena nonostante non finisse per zero nel 1934 e nel 1984; in occasione del 300° e del 350° anniversario dalla prima volta.

la passione di cristo
In fila nel 1860 – Foto da internet

Oltre metà degli abitanti locali prendono parte ad una delle circa 200 rappresentazioni messe in scena ogni dieci anni: chi come comparsa, chi con ruoli più importanti e chi anche solo come customista per gli abiti, eccetto rare occasioni, tutti fati a mano.

Tutti i quasi 4500 posti a sedere dell’auditorium (Passion Theatre) più volte ristrutturato e riadattato per rendere al meglio durante la visione del messaggio di speranza e redenzione vanno letteralmente soldout tra la popolazione locale e le migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo.

la passione di cristo

Per conoscere meglio cosa significhi per la comunità di Oberammergau la Passionspiele si puo vedere la mostra allestita nella hall del Passion Play Theatre la quale è parte integrante della visita guidata che da accesso al back-stage (soluzione consigliata)

Dove: Theaterstrass 8 Orari di apertura: Mar-Dom dalle 10 alle 17 in estate anche il lunedì Ticket: solo Teatro adulti 3.50 € ragazzi 1.50 € / Teatro + visita guidata adulti 6 € ridotto 5 € ragazzi 2 € Superticket: Museo + Teatro + visita guidata adulti 8 € ridotto 7 € ragazzi 3 € Per verificare orari e costi di ingresso e per qualsiasi altra informazione consultare il sito ufficiale qui

Approffittando del superticket abbiamo visitato anche il vecchio-nuovo museo aperto sin dal 1910 dove è possibile ripercorrere, in una mostra dislocata su tre livelli, ben cinque secoli di storia artistica e culturale di Oberammergau e della Baviera in generale.

Al pian terreno, un grande arco blu conduce il visitatore in una dimensione celestiale. Qui si possono vedere diverse raffigurazioni, sia per i materiali usati che per lo stile interpretativo, della natività, oltre che di episodi biblici come le nozze di Cana e delle statuine donate dagli artigiani del posto alla chiesa locale.

La passione di Cristo e la lűftlmalerei: benvenuti ad Oberramergau

Nelle stanze al primo piano si ripercorre, invece, la storia dei maestri intagliatori (ad Oberammergau è nata la prima scuola) attraverso l’esposizione di oggetti a carattere religioso, giocattoli e orologi.

La passione di Cristo e la lűftlmalerei

L’ultima sezione del museo riguarda alcune sculture in legno, ritratti degli artisti (maestri ed allievi) della scuola di intaglio e un area multimediale dove poter assistere (nel caso ve lo siate perso durante la visita guidata al Passionspiele Theater) al filmato che ripercorre il legame simbiotico che intercorre tra Oberammergau, la Passonspiele ed i maestr5 intagliatori.

Se la Passionspiele è il principale motivo di interesse che i turisti hanno per visitare Oberammeragu, non di meno è passeggiare tra le stradine acciottolate alla ricerca delle case affrescate con la tecnica pittorica denominata Luftlmalerei, o anche pittura all’aria.

la passione di cristo

Molto simile tanto al trompe l’oleil, per l’aspetto illusionistico, quanto spettacolare e decorativo per l’effetto visivo che crea sulle facciate esterne degli edifici (da qui il nome di pittura all’aria) come la malowana chana a Zalipie in Polonia racconta di scene della vita contadina come di quelle della caccia, passando naturalmente a richiami religiosi come i santi.

la passione di cristo

Da non perdere assolutamente come massimo esempio della luftlmalerei è la Pilatushaus (casa di Pilato) le cui colonne dipinte sembrano diventare tridimensionali man mano che ci si avvicina. Una parte dell’edificio ospita il municipio mentre al piano terra ospita alcuni laboratori degli artigiani locali che si possono vedere all’opera mentre al primo piano è presente la mostra dei dipinti su vetro rovesciato (al momento della nostra visita non era possibile visitarla).

la passione di cristo

Da Oberammergau si può raggiungere facilmente per una visita nella stessa giornata: Wieskirche, Steingaden e Rottenbuch

Arkifood

Pubblicato da Arkifood

Ha riunito in se le caratteristiche dell'architetto e dei designer cercando di applicarle in cucina. Il risultato che ne verrebbe fuori, se non fermato in tempo, una cattedrale nel deserto della cucina o una pietanza esteticamente da ammirare ma immangiabile. Nonostante molti sapori siano del tutto ignoti al suo palato (ma non all'olfatto) gode di inesauribile fiducia da parte della Bondgirl Paola che gli ha rinnovato la sua "licenza di cucinare" trasformandolo a volte in Jean Food 007 "Mission Impossible"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.