Crea sito

Cestini di polenta con verdure stufate

Cestini di polenta con verdure stufate

Cestini di polenta con verdure stufate: ho sempre adorato la polenta, fin da quando ero piccola, seguivo attentamente la sua preparazione ed attendevo con gioia fosse pronta per staccare e gustare le crosticine croccanti che si formavano sul fondo del tegame dopo che la mamma l’aveva passata in un recipiente o sopra un tagliere.cestini di polenta

Crescendo, l’ho adorata in tutte le sue forme, morbida, a fette sulla piastra o sulle braci, fritta oppure così, come nella ricetta che vi vado a presentare, all’interno di stampini, in modo che solidificando, formi dei cestini nei quali si possano deporre le verdure e formaggi preferiti.

Eccone un esempio 😉

Ingredienti per una ventina di cestini di polenta:

per la polenta…

  • 400 gr di farina di mais bianca o gialla (io ho usato quella istantanea)
  • 1,5 l di acqua
  • un cucchiaio di olio extra-vergine di oliva
  • un cucchiaio scarso di sale

in più…

  • 100 gr di cavolo verza
  • 100 gr di bieta fresca
  • 100 gr di carote
  • 4 fette di formaggio tipo Edam o caciotta
  • uno spicchio d’aglio
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 4-5 cucchiai di olio extra-vergine di oliva
  • sale e paprika dolce qb

Ho mondato le verdure, avendo cura in particolar modo di togliere i gambi più duri della bieta e della verza.

Tagliato sottilmente tutte le verdure dopo averle ben lavate, con l’affetta verdure apposito o con una mezzaluna e passate in una capiente padella anti-aderente dove avevo precedentemente imbiondito lo spicchio d’aglio (leggermente schiacciato con la sua camicia) nell’olio bollente.

Ho mescolato le verdure con un cucchiaio di legno, unito il vino e qualche pizzico di sale.

(annuncio pubblicitario Amazon)

Ho cotto i primi minuti con il coperchio, a fiamma medio-bassa, in modo da formare umidità e poi senza, aumentando la fiamma per portare a cottura fino a far evaporare completamente i liquidi.

nb. occorreranno circa 25 minuti in totale.

Nel frattempo, ho salato e portato ad ebollizione l’acqua per la polenta, tolto dal fuoco la pentola e versato lentamente a pioggia la farina di mais continuando a mescolare con un cucchiaio di legno, riportato la pentola sul fuoco e portato a cottura la polenta, aggiungendo sul finire, un cucchiaio di olio.

Ho versato ancora calda la polenta negli stampini di silicone (non occorre imburrarli), livellato e atteso che si rapprendesse (eventualmente preparatele la sera prima e riponetele in frigorifero).

cestini di polenta

Ho tolto i cestini di polenta dagli stampi e, con uno scavino, ho tolto un pò di polenta al centro in modo da far spazio alla farcitura e riempito un cucchiaino di verdure, qualche pezzetto di formaggio, ricoperto con altra verdura, spolverizzato di paprika, aggiunto un filo di olio e passati in forno caldo, sopra una teglia anti-aderente unta di olio, a 220° per circa 5 minuti.

Ho servito i cestini di polenta bollenti, appena sfornati!

Altre sfiziose idee con la polenta …

cuori di polenta
Cuori di polenta alla paprika
Polenta ai funghi con salamino di cinghiale
Polenta ai funghi con salamino di cinghiale e raspadura di Bella Lodi
antipasto di polenta
Antipasto di polenta con pomodori secchi e olive taggiasche

Paola

Pubblicato da Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

2 Risposte a “Cestini di polenta con verdure stufate”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.