Canestrelli con nocciole

Canestrelli con nocciole: da tempo volevo cimentarmi in questi famosi biscotti che si sciolgono in bocca e che mi ricordano tanto quando ero bambina!

Mi riferisco a quelli liguri, a forma di margheritina, da non confondere con quelli piemontesi, che assomigliano a delle cialde.

Anche se abitiamo in veneto, erano un classico presentarli a tavola a fine pasto ma anche la mattina a colazione, specie la domenica!

Si acquistavano in un panificio vicino casa assieme ai panini all’uvetta.

La friabilità, è la caratteristica che ricordo più, eppoi quel delizioso aroma di nocciole…

Cercando la ricetta originale scopro che non dovrebbero contenere nocciole, eppure io ho chiara quella fragranza e quel aroma di nocciole tostate che li rendeva unici!

Devo esser sincera, ho trovato tante ricette nei libri e anche on-line, tutte diverse!

Ho fatto un mix ed ho aggiunto le nocciole, prima tostate e poi tritate… il risultato si avvicina molto a quelle del panificio di cui vi parlavo.

Canestrelli con nocciole
  • Difficoltà:Molto Bassa
  • Preparazione:20 minuti
  • Cottura:7-8 minuti per le uova + 15-18 per i biscotti minuti
  • Porzioni:una cinquantina di biscotti, dipende dalla grandezza
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • 125 g Farina 00
  • 125 g Amido di mais (maizena) (o di frumento o fecola di patate)
  • 40 g Nocciole spellate
  • 3 Uova (utilizzeremo solo i tuorli sodi)
  • 150 g Burro
  • 80 g Zucchero semolato
  • Qualche goccia Estratto di vaniglia (a piacere, non necessario)
  • un Sale (un pizzico)
  • q.b. Zucchero a velo

Preparazione

  1. Per prima cosa, ho tostato in un padellino le nocciole spellate; le ho lasciate raffreddare e successivamente tritate a farina assieme allo zucchero semolato (questo trucchetto serve a non farle diventare una crema).

  2. Ho lessato le uova per 7-8 minuti, atteso che raggiungessero la temperatura ambiente e prelevato i tuorli.

  3. Ho depositato a fontana le farine nella planetaria, unito la polvere di nocciole, il burro a pezzetti, i tuorli sbriciolati, il pizzico di sale, l’estratto di vaniglia e a velocità bassa, successivamente moderata, ho impastato fino ad ottenere una pasta compatta.

  4. Ho trasferito l’impasto in frigorifero una mezz’oretta per farla compattare come si fa per la pasta frolla.

  5. Trascorso il tempo, ho steso con un mattarello infarinato la pasta non troppo sottilmente e ottenuto con un taglia-biscotti a forma di fiore tanti canestrelli (per il buco ho utilizzato la punta di un sac à poche).

  6. Ho cotto i canestrelli con nocciole in forno, sopra una placca ricoperta di carta forno a 170° (forno già caldo) per circa 15 – 18 minuti (occhio durante gli ultimi minuti, controllateli a vista, toglieteli dal forno appena dorano).

  7. canestrelli con nocciole

    Una volta cotti, ho atteso che raffreddassero prima di ricoprirli con il classico zucchero a velo.

    Si mantengono fragranti per 4-5 giorni all’interno di un contenitore ermetico.

Note

Perchè il nome “canestrelli”? si dice che in origine venissero fatti raffreddare in ceste di vimini (“canestri”), che permettevano all’aria di passare in modo naturale, in modo che i biscotti non si ammollassero per l’umidità.

This post has already been read 961 times!

... mono porzione (muffins, biscotti, bon bon ecc.), Dolci tentazioni
Paola

Informazioni su Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

Precedente Biscotti di frolla con confettura ai frutti di bosco Successivo Tartellette con funghi, carciofi e formaggio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.