Crea sito

Bisciola o “pan di fich”

Bisciola o pan di fich: è un tipico dolce valtellinese tradizionalmente preparato e consumato durante le feste natalizie. Spesso viene proposto, nei ristoranti o pasticcerie locali ma non solo, in alternativa al classico panettone o pandoro.

Molto sostanzioso, poichè prevede fra i suoi ingredienti fichi secchi, noci ed uvetta, ne basterà comunque una fettina per sentirsi sazi ed appagati!

Accompagnato da un buon vino passito sarà la conclusione perfetta di un pranzo o una cena delle feste che stanno per arrivare!

Dopo essermi cimentata qualche anno fa con una bisciola alternativa (Bisciola con bacche di goji), ho voluto questa volta, attenermi alla ricetta originale ed utilizzare gli ingredienti classici.

La ricetta proviene dal sito Paneangeli ed ho apportato solamente delle piccole modifiche.

Bisciola o pan di fich
  • Preparazione: 30-40 Minuti
  • Cottura: 40-50 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 10-12 fette
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 300 g Farina 00
  • 200 g Farina integrale
  • 75 g Burro
  • 150 g Zucchero
  • 1 Uovo
  • 150 ml Latte
  • 100 g Uvetta
  • 100 g Fichi secchi
  • 100 g Gherigli di noci
  • 1 bustina Lievito di birra secco (Mastro Fornaio Paneangeli)
  • 1 bicchierino Limoncello
  • 1 pizzico Sale

Preparazione

  1. In un capiente recipiente ho versato le due farine setacciate, unito il lievito e mescolato qualche secondo con una forchetta.

  2. Al centro, ho formato un incavo e vi ho depositato: zucchero, sale, uova e burro a pezzetti, a temperatura ambiente.

  3. Ho cominciato a mescolare con la forchetta, aggiungendo poco per volta il latte precedentemente intiepidito, ma non bollente.

  4. Sono passata ad impastare a mano, sopra il piano di lavoro leggermente infarinato, fino ad ottenere un impasto omogeneo che ho fatto riposare un’oretta, coprendo con un canovaccio.

  5. Nel frattempo, ho tagliato a pezzetti i fichi, e spezzettato i gherigli di noci, messo l’uvetta a rapprendere in un contenitore con due dita di acqua bollente ed il limoncello.

  6. Trascorso il tempo, ho ripreso l’impasto, steso sul piano di lavoro e unito l’uvetta strizzata, le noci ed i fichi.

  7. bisciola o pan di fich

    Ho formato una palla ovale, depositata sopra la placca infarinata o ricoperta di carta-forno che andrà in forno e atteso un’altra oretta.

  8. bisciola o pan di fich

    Infine, ho cotto in forno già caldo a 170° (il mio è ventilato, oppure a 180° forno statico) per circa 40-42 minuti.

    La superficie dovrà dorare, se tendesse a farlo eccessivamente, coprite sl finire, con un foglio di carta alluminio appena appoggiato sopra.

Note

Una volta cotto e sfornato la bisciola o pan di fich, potete spennellarlo di acqua (50 ml) dove avrete fatto sciogliere due cucchiai di zucchero, per renderlo più lucido.

Paola

Pubblicato da Paola

La passione per la cucina l'ha contagiata sin da piccola quando il nonno, per farla addormentare, al posto delle favole le leggeva le ricette. Da grande alternava alle ricette dello studio medico presso cui lavora quelle delle pietanze da lei preparate, ricche di sapori, aromi e soprattutto fantasia. Ha coinvolto il compagno Arkifood in un corso di cucina e lui, a sua volta, l'ha coinvolta alla scoperta di nuovi piaceri da condividere a tavola. Ama soprattutto dedicarsi ai dolci e da poco tempo, all'arte bianca della panificazione a cui abbina una attenta ricerca per l'utilizzo di materie prime di qualità.

2 Risposte a “Bisciola o “pan di fich””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.