Come usare la pietra refrattaria nel forno di casa – part 3 (rodaggio e manutenzione)

Come usare la pietra refrattaria nel forno di casa – part 3 (rodaggio e manutenzione)

Come usare la pietra refrattaria nel forno di casa: per dare il meglio, la pietra refrattaria, ha bisogno, come l’auto nuova una volta, del cosiddetto rodaggio. 😀

(la prima parte dell’approfondimento (perchè usarla e dove acquistarla) la trovate QUI, mentre la seconda (come utilizzarla per pane e pizza)–> QUI

come usare la pietra refrattaria

In cosa consiste fare il rodaggio alla pietra refrattaria?

Tre operazioni semplici semplici che permetteranno di ottenere le massime prestazioni una volta entrata in servizio permanente effettivo.

  • lavarla accuratamente con sola acqua salata e asciugarla altrettanto accuratamente. Questo permetterà di togliere eventuali residui di lavorazione della pietra;
  • ungere entrambi i lati uniformemente su tutta la superficie con olio (meglio se vegetale) lasciandola riposare per almeno 24h;
  • eliminate con uno straccio l’olio rimasto in superficie e mettetela in forno per il primo riscaldamento che va effettuato gradualmente (per evitare che si formino delle crepe) partendo da una temperatura minima (p.e. 50°); aumentando di 50° ogni mezz’ora più o meno. Per completare il ciclo ci vorranno 3 ore circa ma non abbiate fretta; anche se rimane qualche minuto in più non succede niente.

Accorgimento 1: se avete il forno a gas ricordatevi di usare uno spargifiamma per evitare che il calore si concentri su un unica parte e per non dirigerlo a diretto contatto con la pietra.
Accorgimento 2: se volete cucinare sia carne che pesce meglio disporne di due differenti per non rischiare di mangiare carne che sa di pesce o viceversa.

(pala per pizza su Amazon)

Ora è pronta per essere usata, ma una volta fatto come pulirla?

Terminata la cottura delle vostre pizze o pane non rimane altro che….aspettare che si raffreddi e al massimo passare uno straccio umido. Il metterla sotto l’acqua fredda ancora calda la sottoporrebbe ad uno sbalzo termico eccessivo aumentando il rischio crepe. Ulteriori avvertenze e accorgimenti da adottare:

  • non prenderla con le mani appena terminata la cottura. Muzio Scevola deve sempre essere nei nostri pensieri non solo al momento di infornare; 😀
  • Non usate detersivi o detergenti di alcun tipo; anche se non assorbe ne sapori ne odori rimane comunque costituita di materiale poroso e quindi soggetto ad assorbire i liquidi, rischiando di alterare le prestazioni in fase di cottura;
  • se cuocete carni o pesce con un raschietto grattate leggermente sino ad eliminare lo strato più superficiale senza andare tanto a fondo.

 

(qualche pietra refrattaria o ollare, qui sotto, su Amazon)

LE NOSTRE RICETTE DI PANE E LIEVITATI —> QUI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

This post has already been read 440 times!

Print Friendly, PDF & Email
Sesto senso , , , ,
Arkifood

Informazioni su Arkifood

Ha riunito in se le caratteristiche dell'architetto e dei designer cercando di applicarle in cucina. Il risultato che ne verrebbe fuori, se non fermato in tempo, una cattedrale nel deserto della cucina o una pietanza esteticamente da ammirare ma immangiabile. Nonostante molti sapori siano del tutto ignoti al suo palato (ma non all'olfatto) gode di inesauribile fiducia da parte della Bondgirl Paola che gli ha rinnovato la sua "licenza di cucinare" trasformandolo a volte in Jean Food 007 "Mission Impossible"

Precedente Girelle al prosciutto e funghi Successivo Confettura di prugne rosse e pesche con cocco ed uvetta

2 thoughts on “Come usare la pietra refrattaria nel forno di casa – part 3 (rodaggio e manutenzione)

Lascia un commento